Aprire un allevamento di pesci.

novembre 7, 2013 | Fare impresa

Parlare di tutti quei business che in futuro occuperanno uno spazio maggiore non è sempre semplice, anche se in alcuni casi è abbastanza facile individuare determinati settori o segmenti, anche semplicemente analizzando una serie di dinamiche in corso che portano (o porteranno in breve tempo) alla nascita od all’incremento del giro di affari legato a determinati ambiti.

Tra i molteplici business del futuro, certamente uno che sta oggi offrendo ampi spazi di crescita e di guadagno certo, è quello legato all’allevamento dei pesci per uso alimentare.  5index

 

Aprire un allevamento di pesci. Perché?

 

In questa prima puntata, cercheremo di delineare alcune delle motivazioni che ‘spingono’ questo tipo di attività e sempre di più in futuro permetteranno la nascita di progetti nuovi.

Il consumo di pesce per l’alimentazione umana è in crescita sia nei paesi cosiddetti industrializzati che in tutte quelle aree tradizionalmente ‘consumatrici’ di questo prodotto.

Il problema alla base di questo meccanismo è che i mari, i laghi ed i fiumi stanno ‘svuotandosi’ di pesci.

Il crollo della produzione ( del ‘pescato’) solo negli ultimi anni in certe aree (anche italiane) è superiore al 50%.

Il numero dei pescatori che sta riconvertendo in allevatori è in crescita ovunque in quanto la produzione tradizionale non è lontanamente in grado di rispondere alle richieste del mercato.

Creare un allevamento di pesci. Le prospettive future.

Se poi analizziamo i dati legati all’inquinamento delle acque, otteniamo una conferma tragica :

la pesca nelle acque interne e nei mari presso le coste dei vari paesi, è destinata a ridursi anche del 90% rispetto a 20 anni fa.

Qui, non stiamo facendo delle considerazioni da ‘ambientalisti’ o biologi.

Il nostro obiettivo, è solo quello di verificare la fattibilità di un business, in particolare, con un’ottica futura.

Ricapitolando : la domanda di pesce cresce in ogni paese e dall’altra, la possibilità di far fronte a questa richiesta diventa sempre più difficile attraverso i normali canali di approvvigionamento, cioè : la pesca tradizionale.

Nessuno ( o solo pochi osservatori attenti) avevano previsto questo crollo nella produzione di pesce e così, anche le autorità locali : i vari stati, le autorità portuali ed i comuni cercano di favorire queste attività, destinando spazi ed incentivando le varie iniziative, specie quelle che puntano sulla produzione locale di qualità.

Tra gli aspetti da tenere in considerazione in questo tipo di business, ci sono gli investimenti che non sono affatto limitati.

La fase di avvio deve essere gestita con competenza.

Va quindi creato un business plan da parte di consulenti esperti ed occorre affidare la direzione dell’impianto a personale che ha già maturato nel tempo un buon grado di esperienza.

Puntare sulla qualità del prodotto, rappresenta (come vedremo anche nella prossima puntata) uno dei fattori chiave del successo di questo tipo di business.

Come diventare allevatore ittico.

Le strade che hanno portato a diventare allevatori di pesce sono molte.

Abbiamo ex pescatori che pur continuando l’attività tradizionale, hanno diversificato, cominciando un po alla volta ad allevare piccole quantità e poi con il tempo, creando impianti sempre più vasti.

Altri allevatori ittici, provengono dal settore, cioè, sono figli o ex dipendenti che si sono messi in proprio attraverso l’apertura di imprese o cooperative ittiche.

Occorre dire che anche a livello di corsi di formazione e scuole, qualcosa si sta muovendo.

L’agricoltura tradizionale ed il settore della pesca ‘classica’, stanno guardando con simpatia (per varie motivazioni) a queste forme di allevamento.

Da una parte, il settore agricolo cerca ‘una sponda’ amica su cui poter contare e dall’altra, il settore della pesca tradizionale, ha preso atto che i ‘numeri’ futuri dell’attività tradizionale saranno sempre minori e quindi, occorre trovare soluzioni valide per integrare/sostituire delle attività di business sempre meno ‘consistenti’.

Nelle prossime puntate, entreremo nello specifico analizzando le varie tipologie di allevamento ed il business connesso con ogni segmento.

Continua.

Articoli correlati:

  • Aprire un allevamento di orate.Aprire un allevamento di orate. Allevare pesci, come del resto abbiamo evidenziato nel corso delle prime due puntate, rappresenta un business crescente che sta coinvolgendo sia parecchi ex pescatori ed operatori […]
  • Quale attività aprire.Quale attività aprire. Le attività che fanno guadagnare. Periodicamente, vediamo uscire sui giornali (specie su quelli on line) una serie di elenchi di attività e professioni destinate a sparire o comunque a […]
  • Riposizionare un’attività.Riposizionare un’attività. Rilanciare un business, richiede la messa in atto di una serie di azioni/elementi : la capacità di analisi; il coraggio di rimettere in discussione anche tutta una serie di certezze […]
  • Idee per mettersi in proprio.Idee per mettersi in proprio. E' meglio trovare delle idee nuove per mettersi in proprio, oppure, provare ad inventarsi delle modalità innovative nell'ambito della gestione anche in direzione di alcuni settori che […]
  • Attività che rendono.Attività che rendono. Quali sono le attività su cui puntare oggi? Come cambia il mercato rapidamente. Seconda parte. Nel corso della prima parte, abbiamo iniziato a prendere in considerazione una serie di […]
  • Vendere articoli religiosi. Vendere abiti e paramenti religiosi.Vendere articoli religiosi. Vendere abiti e paramenti religiosi. Fra le varie attività di nicchia che nel tempo sono riuscite a mantenere uno spazio commerciale importante, ci sono quelle specializzate in abiti ecclesiastici ed oggetti/articoli […]

Altri articoli :