Aprire una fabbrica.

novembre 25, 2013 | Fare impresa

Nell’Europa Occidentale, probabilmente avviare una fabbrica o rilevarne una è diventato meno frequente rispetto a 30 o 55 anni fa ma in ogni caso, la produzione industriale di manufatti in tutto il mondo è in crescita e le fabbriche rappresentano ancora il ‘motore’ di un’economia reale che è centrale in buona parte dei business esistenti.8images

 

Aprire una fabbrica. Che cosa significa.

 

Produrre determinate soluzioni in piccole, medie e grandi quantità per rispondere ad una esigenza di mercato, è il ruolo di un’impresa di produzione industriale.

In questa fase storica, una buona percentuale della produzione industriale dei paesi occidentali (Gran Bretagna, Italia, Svezia, Olanda, ecc.) si è spostata altrove per una serie di motivazioni (minori costi di produzione, ricerca di nuovi mercati, vantaggi fiscali, ecc.), privilegiando mete come : l’Europa Orientale, il Sud Est Asiatico, l’America Latina, ecc..

In questo post, vogliamo capire gli spazi e le strategie possibili per chi è alla ricerca di opportunità in questo campo, sia esso/i :

un imprenditore del settore che opera da anni con il proprio stabilimento e cerca di migliorare/rilanciare/riposizionare il suo business;

un gruppo di lavoratori di un’impresa in crisi che sta cercando di rilevare l’azienda in cui per anni hanno operato poiché la stessa azienda sta per chiudere oppure, ha già di fatto smesso di produrre, lasciando a ‘casa’ i dipendenti della stessa attività;

un imprenditore che intende operare attraverso forme di delocalizzazione o internazionalizzazione, spostando una parte (o tutti) i suoi interessi in altre aree geografiche (altri paesi limitrofi, oppure, addirittura in altri continenti;

un imprenditore che intende ‘creare’ ex novo uno stabilimento di produzione a seguito di un progetto di business;

ecc..

Questi ed altri, sono solo degli esempi di come sia possibile operare nel campo industriale e che tra l’altro, andremo ad affrontare anche nelle prossime puntate.

Avviare un’industria. Vale la pena?

Stiamo da qualche anno vivendo una fase di crisi economica caratterizzata sopratutto da una chiusura massiccia di imprese, anche attraverso uno spostamento in altre aree geografiche della produzione industriale.

Sono cambiati molti ‘meccanismi’ che in passato caratterizzavano questo tipo di impresa.

La globalizzazione da una parte e la concorrenza a 360 gradi da imprese provenienti da tutto il mondo, obbligano qualunque produttore a confrontarsi con regole formule differenti.

Occorre quindi saper individuare cosa, come e dove produrre un determinato manufatto ma anche non limitarsi più alla mera produzione.

Bisogna senza dubbio, come del resto è già accaduto in un altro comprato produttivo : quello agricolo, relazionarsi anche con l’aspetto distributivo, individuando i canali commerciali su cui distribuire per poter ottenere una redditività adeguata.

Altrimenti, si rischia di produrre ma poi, ci si scontra con la dura realtà del mercato, caratterizzato da una enorme competizione globale ed un insieme di criticità complesse.

Si continua nella prossima puntata, andando ad approfondire alcuni dei punti che abbiamo toccato in questo primo post.

L’obiettivo (come del resto abbiamo accennato in questa prima parte), è verificare la fattibilità e l’opportunità di fare business con questo tipo di impresa partendo anche da differenti situazioni e soggetti imprenditoriali.

Continua.

Articoli correlati:

  • Diventare editori, aprire una free press.Diventare editori, aprire una free press. Diventare editori. Un sogno coltivato da tanti, ma realizzabile per pochi. Chi vorrebbe fondare un giornale è spesso un giovane, laureato, con la passione per il giornalismo, che non […]
  • Vendere legna.Vendere legna. Buon lunedì, la crisi ed i mutamenti nelle abitudini dei consumatori, stanno facendo emergere in molti paesi europei un incremento di determinati consumi, in particolare, relativamente […]
  • Noleggiare box.Noleggiare box. In tutte le grandi aree metropolitane del mondo (in Italia vedi ad esempio a Milano), si è evidenziata con il passare degli anni la necessità da parte di un numero crescente di individui […]
  • Vendere materiali edili. Aprire un magazzino edile.Vendere materiali edili. Aprire un magazzino edile. L'edilizia, rappresenta da sempre uno dei settori trainanti di un'economia sia per un paese industrializzato che per una nazione in via di sviluppo. Il settore, vede al suo interno una […]
  • Produrre in Italia.Produrre in Italia. Buon lunedì, da decenni, stiamo assistendo ad una vera e propria deindustrializzazione che sta interessando (ed ha coinvolto) ogni settore produttivo ed area del nostro Paese. E' un […]
  • Cosa aprire.Cosa aprire. Quale attività aprire in un mercato che cambia anno dopo anno. La tipologia di email che maggiormente riceviamo sono quelle che ci chiedono consigli su cosa aprire, su quale attività sia […]

Altri articoli :