Dove apro un’attività

gennaio 30, 2014 | Fare impresa

Uno degli elementi che maggiormente influisce nel successo di un business, è quello relativo alla localizzazione di una determinata attività.

Quando un imprenditore predispone il progetto del proprio business, dovrà valutare il peso, la forza/l’influenza del fattore ubicazione.

Tutti, abbiamo bene in mente cosa può significare per un negozio di abbigliamento, un tabacchino, un bar, un ristorante, ecc., essere posizionato in un luogo di passaggio, in cui magari è facile parcheggiare l’auto, oppure(all’opposto), un’impresa di vendita al pubblico che è collocata in un’area completamente periferica rispetto al passaggio di persone e mezzi.

Questo breve e banale paragone, ci serve per introdurre il tema di questo post (la prima puntata) che riguarda la scelta strategica connessa alla collocazione della propria attività, sia in senso fisico che di ‘mercato’, inteso nel senso più ampio del termine e che per alcune tipologie di imprese, può corrispondere ad alcuni concetti del tipo : ‘bacino’, ‘area di mercato’, ecc..

Dove apro un’attività. Quanto influisce la scelta della collocazione.

Il ‘peso’ di questo fattore varia anche considerevolmente in base ad una serie di parametri che sono connessi con :

il tipo di impresa;

le dimensioni del bacino di utenza (del mercato);

il settore in cui si opera;

il livello di concorrenza già presente;

ecc..

Se da una parte, è comprensibilmente difficile definire con assoluta certezza il ‘peso’ di una collocazione ‘aziendale’, dall’altra, è indubbio che l’ubicazione di un’impresa rappresenti un fattore chiave per il successo od il fallimento di essa.

Dove aprire un’attività. Le valutazioni da effettuare in fase di pre apertura.

Partendo dai punti che appena sopra abbiamo elencato, proviamo a fare qualche esempio concreto per capire meglio il tutto.

index

Il tipo di impresa.

Ci sono una serie di attività la cui collocazione ‘fisica’ influisce sino al 100% sul successo del business stesso.

Se pensiamo ad esempio ad un negozio di scarpe, una boutique di moda, un panificio, ecc., giusto per fare qualche esempio, è facile intuire che collocando le stesse imprese in un’area di forte passaggio od all’opposto, in una zona completamente isolata e poco abitata, il fatturato viene influenzato in maniera completa da questo fattore!

Andando a verificare altre tipologie di imprese : un commercialista, un avvocato, un notaio, ecc., ci rendiamo conto che il concetto di ubicazione continua a rivestire un’importanza notevole ma questo fattore, deve essere considerato in maniera diversa rispetto alle attività che abbiamo elencarlo poco fa.

Infatti, un avvocato, un fiscalista, ecc., richiedono di essere collocati in un’area di forte presenza di clienti ma non necessariamente dove abitualmente c’è il ‘passeggio’ di questi ultimi.

Quindi, in base al tipo di impresa, cambia il concetto di ubicazione.

Poi, vi sono aziende per le quali, il fattore localizzazione, influisce in maniera limitata per il raggiungimento dei propri clienti (e per il successo del business in termini generali).

Se pensiamo ad esempio ad un’impresa che vende on line, un’azienda che opera a distanza (un call center ad esempio), ecc., vediamo chiaramente che il fattore ubicazione è marginale per il raggiungimento degli obiettivi strategici.

Questi, sono solo alcuni brevi esempi per capire la differenza che esiste fra un’azienda ed un’altra quando si va a considerare l’influenza della localizzazione.

Dove aprire un’impresa. Le dimensioni del bacino di utenza.

Le dimensioni del proprio mercato, cambiano da impresa ed impresa, anche all’interno del medesimo settore produttivo.

Nella prossima parte, continueremo l’analisi degli altri punti, utilizzando esempi e valutazioni concreti per comprendere meglio questo fattore.

Continua.

 

Articoli correlati:

Altri articoli :