Aprire un ristorante vegetariano.

gennaio 29, 2014 | Fare impresa

Una delle tendenze in atto nella popolazione dei paesi avanzati (e quindi anche in Italia) è quella dell’aumento della presenza di persone che rifiutano la cucina tradizionale ed optano per una dieta vegetariana, cioè, priva di carne e derivati di essa.

La conseguenza, è che un numero crescente di persone ogni anno diventa vegetariano per una serie di situazioni :

perché vuole rispettare gli animali;

per motivazioni religiose o filosofiche;

per ragioni salutari, cioè, connessi alla ricerca di un benessere, abbandonando le tradizionali forme di alimentazione e diventando vegani;

ecc..

Quindi, alla base della crescita del numero di soggetti che rifiuta la carne ed i derivati da animali (uova, miele, latte, ecc.), ci sono differenti motivazioni ed esperienze.

Aprire un ristorante vegetariano. Il mercato.

Prima di parlare della fattibilità di un business, è sempre bene cominciare ad analizzare il suo mercato potenziale e sopratutto : futuro.

Per quanto riguarda i vegetariani(totali o parziali), questi, rappresentano una fetta di popolazione ampia (in Italia le statistiche li ‘misurano’ in un numero compreso fra i 3 ed i 4 milioni).

Qualcuno, sostiene che siano parecchi di più!

In ogni caso, si tratta di una quota crescente di popolazione che negli anni, si è organizzata in associazioni, circoli e gruppi di ‘pressione’.

Si tratta di persone in genere informate, con un buon livello di scolastico ed una vita sociale interessante, sia giovani che mature.

Questo ‘mercato’ crescente, non sempre riesce a trovare luoghi di ristorazione in grado di rispondere alle loro esigenze.

In concreto, si traduce in una presenza di ristoranti vegetariani sul territorio certamente inferiore rispetto alle potenzialità della domanda.

Come aprire un ristorante vegetariano. I luoghi in cui si consuma vegetariano.

Quando di parla di ristorazione, si intende una serie di luoghi in cui è possibile consumare pranzi, cene, spuntini e pasti veloci (anche di lavoro) di qualità a prezzi accettabili.

Una delle caratteristiche di questa cucina, è la ricerca della qualità degli ingredienti.

Il km zero è una formula apprezzata in queste attività, come del resto, la formula del biologico e la selezione dei prodotti/ingredienti impiegati in cucina.

La cucina vegetariana non guarda solo ai vegani ma anche a coloro che vogliono ogni tanto provare qualcosa di diverso ed alle coppie in cui uno dei membri è vegetariano

Occorre dire che i ristoranti vegetariani sono maggiormente diffusi nei centri urbani principali e nelle aree del nord e centro Italia.

Considerando che questo bacino di consumatori è destinato a crescere nel tempo, è evidente che si tratta di un business interessante.

Aprire un ristorante vegetariano. La promozione.

Come per altre attività simili, la promozione segue sia i canali tradizionali :

manifesti, depliant, ecc. che la Rete.

Per Internet, intendiamo una forma di promozione diretta (banner, spazi promozionali sui siti primari, ecc.) ma anche una forma di marketing social ed indiretto effettuato sui social network, sui forum frequentati dai vegetariani ed appassionati di questo tipo di alimentazione.

Il passa parola rimane in ogni caso una forma fondamentale di pubblicità, una delle migliori senza dubbio per far conoscere la bontà della propria impresa..

Anche i ‘luoghi’ che sono oggetto di frequentazione da parte della comunità dei vegani (negozi ed associazioni, ecc.), sono molto importanti, in quanto consentono all’informazione di ‘passare’ veloce e raggiungere più persone in breve tempo.

index

Avviare un ristorante vegetariano. La filosofia.

Aprire e gestire un ristorante vegetariano, non significa soltanto amministrare un’attività di ristorazione come le atre.

Si tratta di seguire una serie di dettami, riuscire ad offrire non solo pranzi e cene ma anche un luogo piacevole ed in linea con la filosofia e le scelte di chi è diventato vegano.

L’ambientazione, la formazione del personale, il tipo di comunicazione, ecc., tutto deve rispettare queste linee guida primarie.

Chi è vegetariano, nutre determinate aspettative rispetto ad un ristorante tradizionale.

Anche l’arredamento, i colori del locale e le ricette stesse, sono strettamente connesse ed in linea con questa formula.

 

Articoli correlati:

  • Aprire un caseificio.Aprire un caseificio. Creare un caseificio costituisce talvolta l'evoluzione di tante produzioni zootecniche (anche di piccole e medie dimensioni) che nel corso degli anni hanno 'riposizionato' la loro […]
  • Aprire un fast food vegetariano.Aprire un fast food vegetariano. Gli anni recenti, hanno evidenziato una crescita di alcune tendenze in molti paesi del mondo, in particolare, nelle nazioni occidentali : un maggiore rispetto degli animali che si è […]
  • Diventare veterinario.Diventare veterinario. Una delle professioni che in questi anni ha incontrato un crescente successo in Italia ed all'estero è quella del medico veterinario L'aumento esponenziale degli animali domestici […]
  • Realizzare una televendita. Vendere in televisione.Realizzare una televendita. Vendere in televisione. Ci sono da decenni dei business redditizi che si sono sviluppati proprio grazie alla tv ed alle televendite di successo. Di che cosa parliamo? Di quelle migliaia di prodotti e servizi […]
  • Aprire un circolo.Aprire un circolo. In Italia, sono presenti decine di migliaia di circoli che si distinguono per differente dimensione e tipologia di attività svolte all'interno di queste strutture. E' difficile […]
  • Aprire un centro infermieristico. Come aprire un ambulatorio infermieristico.Aprire un centro infermieristico. Come aprire un ambulatorio infermieristico. Aprire un ambulatorio infermieristico. Da qualche anno in Italia si stanno diffondendo in misura crescente gli ambulatori infermieristici, sia nelle grandi aree metropolitane che nei […]

Altri articoli :