Aprire un’attività in Argentina.

febbraio 6, 2014 | Fare business all'estero

Vogliamo affrontare il tema dell’avvio di un business in Argentina, un grande paese del Sud America, molto vicino culturalmente all’Italia che in soli pochi decenni è passato dal rappresentare (ancora alla fine della seconda guerra mondiale) una potenza economica internazionale, sino poi precipitare dopo solo pochi anni ad un contesto tipico di paese a rischio povertà, per poi di nuovo riprendersi in parte e crollare altre due volte consecutivamente.

Una situazione da yo yo, un Paese perennemente sulle montagne russe che nel corso degli anni, ha espresso una serie di contesti, situazioni estreme, tipiche del carattere del suo popolo che non finiscono mai di stupire uno straniero.

L’Argentina, rappresenta un mix di : cultura, ossessioni, filosofia di vita, dottrine economiche, errori/orrori, passione, opportunità/rischi, ecc., tipici di un ambiento ‘latino’ con grandi influenze europee, in particolare, dell’area mediterranea.

L’Argentina, anche in materia di business, costituisce un insieme di caratteri contraddittori che evidenziano tutto ed il contrario di tutto.

index

Aprire un’attività in Argentina. Inquadrare il Paese.

E’ difficile analizzare questa Nazione nella solita modalità con cui si discute di un qualunque paese europeo o nord americano.

L’Argentina, ha da sempre offerto notevoli opportunità per centinaia di migliaia di persone, arricchendole rapidamente ed all’opposto, ha costituito un ambiente ‘difficile e controverso’ per molti altri, sia imprenditori che semplici lavoratori.

Quando abbiamo deciso di affrontare l’analisi di questo Paese, in particolare in questa fase difficile (in termini economico-finanziario e sociale), abbiamo chiesto ad alcuni imprenditori ed operatori presenti nel Paese da tempo una serie di lumi e commenti!

Le risposte sono state interessanti, a volte, apparentemente contraddittorie in quanto costituivano la duplice ‘visione’ del solito contesto!

Chi conosce bene l’Argentina (ma anche molti paesi latinoamericani), non rimane scioccato di questo aspetto.

Investire in Argentina. Quali sono le opportunità?

Nei momenti di maggior difficoltà per un Paese, sempre, si aprono interessanti opportunità per chi dispone di capitali, inventiva e capacità di visione futura.

In Argentina, a dispetto della crisi, esiste una borghesia benestante ed una classe di ricchi e molto ricchi che amano la bella vita (divertirsi, acquistare abbigliamento e gioielli di qualità, ecc.), rappresentando di fatto, un mercato molto appetibile.

Inoltre, ogni fase di crisi, all’interno di un paese consente un ricambio, una pulizia che apre le porte a nuovi soggetti economici e sociali che hanno saputo ‘gestire con successo’ la fase di passaggio (la crisi).

In molti (propietari di attività, immobili, ecc.) vorrebbero vendere, anche a prezzi di realizzo e ci sono tante imprese che nel caos della crisi sono sottocapitalizzate, mal gestite e che vivono una fase anche transitoria di difficoltà.

Aprire un’impresa in Argentina. I limiti attuali.

Le limitazioni che attualmente persistono in questo Paese sono legate a :

l’impossibilità di comprare immobili e terreni in valuta straniera.

Se come abbiamo poco sopra accennato, esistono ottime opportunità di investire in vari ambiti, dall’altra, il Governo del Paese sudamericano, ha posto una serie di paletti obbligando chi vende a farlo in moneta nazionale.

Tutto questo, ovviamente ha bloccato il ‘mercato’ delle compra vendite;

la non sempre facile conoscenza del mercato locale (e quindi delle dinamiche e delle opportunità presenti che si possono cogliere).

Per riuscire a ‘muoversi’ con successo, specie in queste fasi difficili e concitate, occorre essere ‘sul posto’ e conoscere i meccanismi o perlomeno, poter contare su buoni appoggi locali.

l’individuazione dei tempi e delle modalità in cui si svolgerà questa crisi attuale.

Ci vorrebbe la bacchetta magica per poter prevedere come andranno le cose nei prossimi mesi!

Una cosa è certa :

l’Argentina ed il suo popolo dopo una fase di forte difficoltà, torneranno a riemergere e chi avrà avuto la forza e la capacità di passare indenne (ed investire nella direzione giusta nel frattempo), potrà occupare posizioni di successo.

Nel corso della seconda parte, porremo una serie di quesiti a due ‘resident’ italianos che operano in due settori diversi nel Paese del Tango.

Questo, ci permetterà di mettere a fuoco ancor di più i caratteri e le opportunità che sono presenti in questa Nazione.

Continua.

Articoli correlati:

Altri articoli :