Vendere ai cinesi.

marzo 6, 2014 | Fare business all'estero

Vendere prodotti di qualità al mercato cinese ed ai nuovi paesi emergenti.

Da tanti anni, siamo ormai invasi da prodotti ‘made in China’ di ogni tipologia che ci siamo anche scordati che la Cina non è soltanto la più grande ‘fabbrica’ del mondo ma anche la principale area di consumo globale, nonché, una delle nazioni con maggiori disponibilità finanziarie.

Accade così che questo grande Paese, ha visto crescere il suo pil anno dopo anno e decine di milioni di cittadini cinesi sono diventati ricchi, molto ricchi e benestanti, tanto che qualcuno ipotizza che in Cina ci siano oltre 150 milioni di persone che possono essere considerate ‘benestanti o ricche’.

Che cosa significa tutto questo?

index

Vendere attività ai cinesi. Che cosa vuol dire dire vendere ai cinesi?

Da qualche anno nelle nostre città(e non solo) stiamo assistendo ad una serie di acquisizioni di immobili, attività, terreni, ecc., da parte di cittadini di origine cinese.

Il fenomeno, partito all’inizio un po in sordina, si è ampliato gradualmente ed in alcuni settori ed aree geografiche ha assunto proporzioni elevate, tanto che molti imprenditori italiani in difficoltà o ‘venditori’, hanno cominciato a considerare in maniera crescente i cittadini cinesi o di origine cinese come potenziali partner finanziari od investitori privilegiati.

In conseguenza di tutto ciò, sono nate alcune pubblicazioni cartacee e siti Web in cui vengono pubblicate una serie di proposte di vendita che hanno l’obiettivo di essere poste all’attenzione di investitori cinesi o di origine cinese.

L’obiettivo quindi, è quello di attrarre denaro nuovo e fresco che molti cittadini della comunità cinese in Europa od in Cina dispongono dopo che gli investitori nazionali sono sempre meno per una serie di ragioni (crisi, fuga verso altre nazioni, ecc.).

Come vendere ai cinesi. Le soluzioni.

Abbiamo appena accennato che esistono una serie di pubblicazioni gestite in buona parte da imprenditori di origine cinese.

Occorre ricordare però che non ci solo solo gli immobili e le attività fra le ‘cose’ da vendere ai cinesi!

All’inizio di questo post, abbiamo sottolineato che in Cina esiste un segmento di popolazione sempre più numeroso rappresentato da un insieme di soggetti benestanti e ricchi che amano la qualità della vita sotto ogni punto di vista.

Che cosa significa?

In Cina apprezzano lo stile italiano, la moda, l’artigianato, ecc. ma anche una cosa una serie di prodotti che in terra cinese sta diventando sempre più rara :

le produzioni agricole ed alimentari di qualità realizzate prive di pesticidi, coltivate lontane da aree inquinate, certificate in tutto il percorso produttivo.

Insomma, vivere bene per milioni di cinesi significa anche alimentarsi al meglio!

Frutta, verdura, salumi, formaggi, carne, cereali, riso, vino, ecc. di qualità certificata.

Vendere prodotti ai cinesi.

La Cina è una delle nazioni più inquinate del pianeta e nonostante il Governo locale abbia cominciato a cercare soluzioni, non riesce a limitare l’incremento di questo fenomeno che nel giro di 15 anni dovrebbe portare il Paese ad una sorta di parziale collasso con l’aumento vertiginoso di malattie respiratori, linfomi, intossicazioni di vario tipo, patologie cardiache, ecc..

E’ difficile pensare che terreni sempre più vasti inquinati e fiumi ridotti a pattumiere, possano in pochi anni ‘migliorare’.

Si può ipotizzare infatti l’esatto opposto.

La ricerca di alimenti di qualità, costituirà una priorità sempre più sentita per decine di milioni di soggetti che non avranno problemi ad importare, anche da lontano, questo tipo di prodotti.

La Cina quindi, nei prossimi anni si trasformerà in un importante importatore di produzioni di qualità e questo, agevolerà coloro che nel corso del tempo si saranno organizzati al meglio.

Esportare in Cina.

I cittadini cinesi, seppur gradualmente, si stanno rendendo conto dei problemi connessi all’inquinamento e questo, li sta portando a maturare una coscienza ed un interesse maggiormente orientato alla ricerca del cibo genuino.

Per chi sino ad oggi ha guardato alla Cina come un temibile esportatore, dovrà cambiare atteggiamento e considerare questa grande Nazione come un enorme mercato in cui esportare soluzioni di qualità in modalità continua e crescente.

Torneremo presto a riprendere questo argomento ancora poco sentito da imprenditori ed operatori nazionali che hanno della Cina una visione ancora troppo connessa al passato, seppure per passato si intenda soltanto 5 o 6 anni fa.

 

Articoli correlati:

  • Aprire un’attività all’estero.Aprire un’attività all’estero. Trasferirsi all'estero. Avviare un business all'estero. L'Italia(ma non solo) appare ai nostri occhi come un grande lago dove da una parte giungono una seria sempre più numerosa di […]
  • Aprire una gelateria all’estero.Aprire una gelateria all’estero. Una delle attività commerciali tipiche degli italiani che sono state avviate all'estero in questi decenni, oltre a pizzerie e ristoranti, è senza dubbio rappresentata dalle […]
  • Aprire un’attività in Vietnam. Investire in Vietnam.Aprire un’attività in Vietnam. Investire in Vietnam. Parliamo del Vietnam, un paese poco più grande dell'Italia con una popolazione di circa 93 milioni di abitanti. Questa nazione, è tornata alla ribalta in questi recenti anni per gli […]
  • Investire in Birmania. Investire in Myanmar.Investire in Birmania. Investire in Myanmar. La Birmania o Myanmar è un paese del Sud Est Asiatico con una popolazione di quasi 60 milioni di abitanti, per lo più giovani. Un paese ricco di foreste, acqua, risorse minerarie (gas […]
  • Andare a vivere alle Canarie.Andare a vivere alle Canarie. Le Isole Canarie, costituiscono un arcipelago di 9 isole di varia dimensione situate nell'Oceano Atlantico al largo del sud del Marocco e sono a tutti gli effetti una Comunità Autonoma […]
  • Trasferirsi all’estero.Trasferirsi all’estero. Basta me ne vado. La scelta di mollare ed andare a vivere all'estero. Il sentimento di stanchezza e la voglia di mollare tutto per trasferirsi all'estero, coinvolge ormai un pubblico di […]

Altri articoli :