Fare investimenti in Argentina.

aprile 3, 2014 | Business territoriale, Fare business all'estero

Nel corso della prima parte, abbiamo presentato il tema relativo all’avvio di un business in Argentina, non tanto in modalità tradizionale (cioè, quelle informazioni connesse alle pratiche burocratiche necessarie per avviare un’attività, il carico fiscale, le necessità generali, ecc.), su cui è possibile informarsi presso un buon consulente fiscale qualsiasi ma sulla concreta opportunità/rischio di guardare a questo Paese per investire e/od avviare business di vario tipo, in particolare, in questa fase di crisi economica-finanziaria ed ovviamente sociale.

index

Investire in Argentina. Oltre le solite informazioni.

Per i paesi cosiddetti emergenti, non sono giornate di grandi risultati (quelle in cui pubblichiamo questo post) così, molte nazioni dell’America Latina, hanno rallentato la corsa cominciata alcuni anni fa che ha permesso un incremento generale di pil ed investimenti, in particolare verso : Brasile, Panama, Colombia, Cile, Perù, ecc..

L’Argentina, per le sue caratteristiche particolari (come del resto abbiamo evidenziato nel corso della prima puntata) da sempre, è abituata a ‘gestire’ fasi altalenanti con periodi di sviluppo e ripresa intensa.

Anche nei momenti difficili, questo Paese, offre spazi di business ad imprenditori ed investitori che sanno ‘agire’ in questi contesti agitati.

Quindi, mentre chiudono moltissime imprese ed altre, vivono una fase di difficoltà, ci sono altre aziende, anche piccole che continuano a prosperare all’interno di nicchie e segmenti meno colpiti ( o semplicemente più al riparo dalla crisi).

Ci sono imprenditori che sanno utilizzare un capitale umano ben preparato e spesso ‘poco costoso” che è in grado di operare con flessibilità, oppure, investire in attività che necessitano di innesti di capitale per superare la fase di ‘transizione’.

Aprire un’impresa in Argentina. Ascoltiamo due ‘resident’ italiani da tempo in Argentina.

Abbiamo posto una serie di domande a due operatori che da tempo vivono in questa nazione e con successo, portano avanti varie iniziative.

Uno dei due, opera nel commercio e nei servizi, un altro, prevalentemente nel settore immobiliare e negli investimenti ad esso connessi.

Fare investimenti in Argentina. E’ rischioso in questa fase?

E’ sempre rischioso, specie per un soggetto che non conosce il Paese e che senza esperienza, si ‘butta’ a capofitto in ‘negocios’ di cui non conosce nulla.

Provate ad immaginare un tipo che giunge a Berlino dall’Africa e due giorni dopo decide di investire nel mercato immobiliare, oppure, un italiano che si sposta in Russia per comprare immobili e ristoranti dopo solo 3 settimane.

E’ chiaro che le occasioni ci sono ma bisogna prendersi del tempo per conoscere la realtà locale.

Inoltre, con questa fase di crisi, se da una parte sono aumentate le opportunità per ‘comprare’, dall’altra, bisogna anche stare più attenti nella ‘selezione’ delle proposte.

Investire in Argentina. Quante tasse si pagano?

Il carico fiscale complessivo è più basso che in Italia ma non è minimo!

Non siamo a Panama od in Paraguay qui.

La pressione fiscale c’è, anche se diciamo la verità, esistono ‘margini’ di ‘uscita’ e limitazione del ‘carico’.

Investimenti in Argentina. Cosa si può fare in questo Paese.

Da sempre, le produzioni agricole rappresentano una certezza ed anche i settori commerciali hanno garantito buoni profitti se uno sa investire bene.

In Argentina c’è di tutto :

da attività che hanno delocalizzato dall’Europa, basti pensare ai call center, ad aziende di software che dispongono di ottimi esperti a costi ragionevoli, per non parlare delle classiche imprese commerciali : ristoranti, club, centri fitness, servizi alle imprese ed alle persone, ecc..

Il settore immobiliare ora vive una fase di incertezza ma vi assicuro che negli anni scorsi durante la ripresa, ha offerto buone opportunità per chi ha investito.

Passata questa fase ‘nera’, tutto si riprenderà.

In Argentina, siamo abituati a vivere periodi anche medi di crisi per poi, ripartire con successo!

Chi viene in Argentina, deve mettere in conto una serie di dinamiche ‘particolari’, cioè, una instabilità ciclica che in questo Paese rappresenta ormai un fattore costante.

Bisogna in concreto, saper vivere e prosperare anche in mezzo alle montagne russe, sapendo cogliere le opportunità che ci sono anche nei periodi più critici.

Gli argentini, sono un popolo abituato a vivere fasi alterne e sanno che dopo la tempesta, torna prima o poi il sereno.

Trasferirsi in Argntina. Cosa consigliate ad una persona che ha desiderio di ‘fare qualcosa’ in Argentina?

Lo invitiamo a dedicare un po di tempo in Argentina come osservatore per farsi un’idea, per comprendere se questi ritmi fanno per lui.

Per un europeo, non è detto che questa Nazione possa sempre piacere ed essere ‘compresa.

Ringraziamo i signori Francesco e Roberto per la disponibilità.

 

Articoli correlati:

Altri articoli :