Attività innovative.

maggio 9, 2014 | Fare impresa

La maggior parte dei neo imprenditori(quando sono alla ricerca di un settore o di una tipologia di impresa da aprire), tendono a concentrarsi prevalentemente in direzione di alcune categorie di attività, siano esse considerate ‘tradizionali’, oppure, più innovative e/o alternative (almeno dal punto di vista del ‘giudizio comune’).

Nella realtà, rimangono purtroppo ‘tagliati fuori’ tantissimi bisogni e necessità di imprese e di soggetti privati che non vengono affatto considerati e che invece, potrebbero costituire degli elementi basilari su cui partire per ‘costruire’ un business veramente di successo.

La ricerca di un business che garantisca redditività e continuità, è l’obiettivo della maggior parte dei neo imprenditori (o comunque dovrebbe esserlo).

Tutto il resto, è secondario!

La distinzione fra attività innovative e quelle tradizionali, costituisce spesso un aspetto del tutto formale e che nel concreto non traduce in nulla.

4images

Aprire un’impresa innovativa. Che cosa vuol dire essere innovativi.

Aprire un centro toelettatura per cani od una libreria, non costituiscono certo degli esempi di attività innovative(visto che da decenni vi sono questo tipo di imprese in ogni parte del mondo).

Eppure, alcuni neo imprenditori sono riusciti con una creatività superiore ed una ‘grande visione’ a costruire un’offerta di beni e servizi tradizionali dando loro un’impronta del tutto nuova, coinvolgendo un pubblico ‘assopito’ dall’offerta quotidiana (e standardizzata) e riuscendo così ad ottenere una visibilità elevata che ha permesso loro di ‘elevarsi’ rispetto a tutti gli altri competitor presenti sul mercato, alcuni dei quali da decenni attivi.

Quindi, si può gestire in maniera del tutto innovativa un’impresa, seppur considerata tradizionale, anche e sopratutto attraverso una ‘rivisitazione’ della formula ‘standard’ ed analizzando il mercato di riferimento, magari, anche con la ricerca di una o più nicchie che consentono nuovi sbocchi e/o l’erogazione di servizi e prodotti che potrebbero trovare spazi interessanti (e redditizi) ma che sino ad oggi non sono stati adeguatamente promossi.

Business innovativi. Saper guardare al mercato.

Qual è quindi il punto da cui partire per sviluppare un’attività con caratteristiche innovative?

Si tratta di verificare la reale richiesta che proviene dal mercato (dai potenziali e reali consumatori, siano essi delle imprese o dei privati) e verificare se al momento questi bisogni risultano già soddisfatti o meno ed in caso positivo, comprendere che spazi esistono per inserirsi.

Confrontare quindi la possibile (o già reale domanda) con l’offerta attualmente presente è la base da cui cominciare.

Apparentemente (per chi guarda con superficialità), sembra tutto facile impostare e pianificare l’avvio di un business redditizio.

Nella realtà poi, sono veramente pochi coloro che riescono a portare avanti dei progetti utili ed innovativi, pur partendo da settori considerati tradizionali o comunque per nulla innovativi.

Perché?

Aprire un’attività di successo. Chiedersi che cosa manca veramente.

Gli aspetti che influenzano la capacità di individuare un’idea di successo od innovativa, passano anche da questi due fattori :

la capacità di individuare ciò che manca;

riuscire a proporsi in maniera diversa.

Per quanto riguarda il primo punto, è sin troppo facile ascoltare le obiezioni(molte volte anche comprensibili) del tipo : ‘c’è già tutto’ , non c’è nulla da proporre di nuovo, ecc..

Eppure, anche per aree apparentemente sature o settori, ‘salta’ sempre fuori qualcuno che riesce a stupire tutti, con un’idea diversa, con un modo di presentarsi al pubblico alternativo, ecc..

E’ il caso della biblioteca che riesce con qualche idea innovativa a diventare la meta di un pubblico particolare ed appassionato; può essere il caso di un bar gestito da persone creative ed attente ad alcune esigenze di una fascia di consumatori che è alla ricerca di un luogo ‘innovativo’ e differente da altri; ecc..

Aprire un’attività nuova. Differenziarsi dagli altri.

A volte, basta poco per distanziarsi dagli altri ed offrire qualcosa di nuovo o che comunque è ritenuto innovativo e differente dal pubblico!

Evitare l’appiattimento, specie in questa fase di ‘stagnazione economica’, è fondamentale per avere successo con il proprio business.

Saper ascoltare il proprio pubblico poi, diventa un obbligo per chi davvero intende ‘creare’ qualcosa di nuovo e veramente ‘attraente’.

Articoli correlati:

  • Aprire un’attività che fa guadagnare.Aprire un’attività che fa guadagnare. Quante sono le attività che continuano ad aprire e poi, magari dopo poco, chiudono miseramente? Quanti sono, coloro che bruciano sogni, risparmi e speranze in piccoli e medi progetti […]
  • Nuove attività redditizie.Nuove attività redditizie. Il mercato crescente dei single. I dati statistici dei paesi occidentali confermano la crescita del numero dei single che sono presenti all'interno dei vari paesi. Il loro 'peso' […]
  • Quale attività aprire.Quale attività aprire. Buon lunedì, a costo di diventare monotoni od antipatici, torniamo a 'battere' su un tema : come si 'sceglie' l'attività da aprire. Cercheremo oggi di essere più che mai […]
  • Seguire le mode.Seguire le mode. Ogni periodo storico (benché breve), si contraddistingue anche grazie alle sue mode. Occupandoci di business e di attività d'impresa (siamo ovviamente su affaripropri.com!), possiamo […]
  • Quali attività aprire oggi?Quali attività aprire oggi? Buon inizio di settimana, torniamo a parlare di un argomento che è fra i piu richiesti, nelle mail che riceviamo. Quali sono i servizi nuovi e quali idee innovative di business […]
  • Quali attività aprire 2015Quali attività aprire 2015 Buon lunedì, giorno dopo giorno sentiamo parlare di crisi, di consumi in picchiata, di aziende costrette a ridurre o dismettere la loro produzione, del numero di addetti che si riducono […]

Altri articoli :