Guadagnare con i cani.

giugno 17, 2014 | Fare impresa

Le statistiche parlano apertamente di un boom di animali domestici presenti nelle case degli italiani(e non solo nel nostro Paese).

Non si tratta soltanto di un dato numerico, bensì, di qualcosa di più che coinvolge la sfera affettiva e sociale e rientra in un cambiamento epocale nel comportamento di milioni di persone di qualunque ceto sociale e livello culturale.

La diffusione dei piccoli animali domestici nell’ambito delle famiglie, è sempre stata presente, sin da tempi antichi.

Oggi però, l’animale domestico (sia esso un cane, un gatto, ecc.) sta andando a ricoprire uno spazio sempre più importante nell’ambito del nucleo famigliare, anche dove esiste la sola presenza di un single.

Questo, significa che l’animale domestico ha guadagnato posizioni ‘di vetta’, sostituendo talvolta un figlio, un affetto, ecc. e quindi, diventando ‘quasi’ (ed a volte neanche quasi) un nuovo membro della famiglia alla pari di un’altra persona.

Un fenomeno ampio e diffuso che coinvolge gli abitanti di New York come quelli di Parigi o di Roma, giusto perfare degli esempi concreti.

Tutto ciò, va ad influenzare una serie di comportamenti e modalità di spesa che influiscono in merito allo sviluppo e la nascita di una serie di business.

index

Guadagnare con gli animali domestici. Creare un business con i cani.

In questi recenti anni, sono nate moltissime strutture relative all’ospitalità per i piccoli animali domestici : le pensioni per cani e gatti in particolare.

Il numero dei veterinari è cresciuto progressivamente nel corso degli anni, in particolare, quei medici specializzati in piccoli animali domestici.

Accanto a studi veterinari tradizionali, sono sorte parecchie cliniche e diverse professionalità specializzate in alcuni rami particolari.

Il numero di negozi indipendenti e collegati a catene in franchising che vendono prodotti ed alimenti per piccoli animali domestici è andato sviluppandosi a 360 gradi.

Anche i servizi cosiddetti complementari hanno trovato un mercato ‘accogliente’.

Dalla nascita dei cimiteri per piccoli animali domestici, alle spiagge attrezzati per cani, per non parlare dei numerosissimi centri ‘benessere per cani e gatti.

I dog sitter sono diffusi ovunque ed anche i centri di formazione per cani sono presenti in ogni regione.

Non parliamo poi di allevamenti, istruttori per varie competenze, ecc..

Insomma, oggi è presente un mercato vastissimo che coinvolge decine e decine di migliaia di operatori in ogni zona del Paese.

Servizi per animali domestici. Un business che può ancora crescere.

Nonostante la presenza di un’offerta che è estesa ormai in ogni campo, gli spazi per i nuovi ‘operatori’ sono assai presenti e vanno in direzione di quelle nicchie(numerose) e quei segmenti che ancora risultano poco ‘battuti’.

Come in ogni altro campo, gli imprenditori tendono a concentrarsi prevalentemente su alcuni segmenti, anziché ‘battere’ strade parallele e ‘libere’.

Se da una parte, l’offerta che coinvolge il settore degli alimenti(la vendita di cibo per animali domestici), è notevolmente presente ovunque, oggi, vi è un’importante richiesta che proviene da possessori di animali domestici per aree vacanze sempre più accoglienti per i piccoli animali.

Andare in vacanza con il proprio animale viene vista come un’esigenza fondamentale per centinaia di migliaia di persone (in numero crescente rispetto al passato) e questo, significa la nascita di interessanti opportunità per imprenditori che operano in quelle aree turistiche (e che spesso si lamentano della generale crisi).

Le spiagge dedicate ai cani(con alcune piccoli servizi per i padroni e gli animali stessi), ad esempio, sono ancora poche in rapporto alla domanda potenziale.

In alcune regioni balneari, la carenza è molto sentita.

Inoltre, se gli operatori della sanità per ‘gli umani’ risentono di una crisi connessa alla stagnazione attuale, la spesa per la cura dei piccoli animali domestici (in particolare le cure specializzate : dentisti, psicologi per cani, ecc. è andata crescendo.

Business con animali domestici.

Per chi conosce questo ‘mondo’, può essere più semplice creare un progetto innovativo o relativo ad una nicchia specifica.

Dopo la crescita notevole degli anni passati, ora dobbiamo aspettarci un aumento più lieve in termini complessivi(il giro di affari di questo ampio settore) ma questo incremento, favorirà le nuove idee e le aree ancora poco sfruttate in cui la domanda di servizi rimane tutt’ora in parte insoddisfatta.

Nella prossima parte, continueremo con l’approfondimento dell’argomento andando a toccare alcune segmenti specifici di questo grande mercato.

Continua.

Articoli correlati:

  • Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi.Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi. Idee redditizie contro la crisi :aprire una agenzia di divorzi. Torniamo a parlare di quelle attività che vedono crescere il proprio business mese dopo mese in maniera esponenziale: […]
  • Aprire un allevamento di cani.Aprire un allevamento di cani. La passione per gli animali, l'amore per i cani, la voglia di avviare un'attività in proprio nel settore degli animali, possono rappresentare degli stimoli per lanciarsi in questo […]
  • Diventare consulenti di vendita.Diventare consulenti di vendita. Nel corso della prima parte abbiamo provato a cominciare a delineare la figura professionale di un esperto di vendite, in particolare, relativamente agli spazi che sul mercato attuale un […]
  • Dove apro un’attivitàDove apro un’attività Uno degli elementi che maggiormente influisce nel successo di un business, è quello relativo alla localizzazione di una determinata attività. Quando un imprenditore predispone il […]
  • Comprare un’attività.Comprare un’attività. Comprare un'attività con l'obiettivo di attuare una forma di investimento o semplicemente per 'trovare' un'occupazione oppure, per entrambi i casi, è molto diffusa, sia in Italia che […]
  • Vivere alla giornata.Vivere alla giornata. Business oggi. Fare business ed investire oggi. Quando si parla di 'fare impresa' e di 'investire con successo', occorre sempre rapportarsi alla situazione reale in cui stiamo vivendo […]

Altri articoli :