Vivere all’estero.

novembre 16, 2014 | Redazionale

Buon lunedì,

per la prima volta, dopo decenni, stiamo assistendo ad una vera e proprio fuga dal Belpaese.

Centinaia di migliaia di italiani hanno lasciato la Nazione negli ultimi 4 anni ed il loro numero è costantemente crescente, con un trend che (secondo qualche analista) potrebbe anche aumentare del 30/40% nel giro dei prossimi anni.

In questa fuga, sono rappresentate tutte le regioni, le persone di ogni età, gli appartenenti a qualsiasi fascia di reddito, di professione e sesso.

Si tratta quindi di un processo storico molto forte!

Accanto a chi fugge materialmente e si trasferisce in quei paesi che offrono maggiori opportunità lavorative, di business o connesse alla qualità della vita, ce ne sono alcuni milioni che (per la prima volta seriamente nella loro vita) cominciano a valutare più o meno decisamente l’eventualità di lasciare l’Italia per continuare altrove la loro esistenza.

Andare a vivere all’estero. La molla che spinge verso il cambiamento.

Che cosa spinge le persone a lasciare il luogo in cui vivono(e dove sono nate) ed a trasferirsi spesso a molte migliaia di chilometri di distanza?

C’è solo la voglia di guadagnare di più? La ricerca del sole tropicale? Fuggono dalla moglie o dalle legge?

E’ interessante ascoltare le opinioni di coloro che se ne sono andati.

Noi, abbiamo il privilegio di averne intervistati veramente tanti in questi anni e vi assicuriamo che la ‘ragione base’ che spinge un individuo a lasciare la propria terra per andare in altri paesi, è sopratutto :

‘…..la ricerca di una vita più appagante(sotto ogni punto di vista), abbandonando una realtà (geografica, lavorativa, di business, ecc.) che non offre più le condizioni del passato e che non presenta prospettive di miglioramento a breve o medio termine.’

Quindi, si tratta nel complesso di un insieme di aspetti specifici ma che nel loro complesso, le risposte, offrono un quadro di ‘insoddisfazione’ generale sempre più diffuso in un numero crescente di italiani.

Oggi, con questo post, vogliamo provare a fare il contrario di tanti articoli e post che evidenziano solo gli aspetti positivi di un trasferimento all’estero, cioè, intendiamo evidenziare tutte quelle criticità a cui andranno incontro i nuovi ‘migranti’ quando giungeranno nei nuovi paesi.

Andare a vivere all’estero. Quando la qualità della vita in certe aree tende a peggiorare.

Il boom economico che ha interessato vaste aree del Pianeta (e che tra l’altro, si tratta di zone che sono spesso oggetto dell’interesse di tanti espatriati), rischia di far peggiorare molti ‘livelli qualitativi’ di vita.

Infatti, più strade, più palazzi, maggiori fabbriche costruiti in quei paesi (visto il boom economico che stanno vivendo quelle nazioni), significano anche :

un elevato inquinamento nell’aria (in certi paesi il livello raggiunto è allucinante : anche decine di volte superiore alle nostre città).

index

Tutto questo (e noi lo sappiamo bene), porta nel tempo ad un incremento delle patologie connesse al cuore, ai tumori, alle malattie respiratorie, ecc..

Andare in vacanza in queste zone può essere interessante ma viverci e respirare i fumi tossici per anni e anni, significa, levare anni alla propria vita.

Vietnam, Cina (giusto per ricordare qualche paese) ma anche le metropoli di ogni paese in via di sviluppo con il traffico caotico e l’inquinamento devastante;

criminalità diffusa e pericolo per la sicurezza (sono molti quei paesi a rischio incolumità).

Fuggire dall’Italia per vivere poi rifugiati dentro una villa circondata da pistoleros e vigilantes, non è certo il massimo della vita.

Basta pensare alla situazione di sicurezza presente in paesi come il Venezuela, la Repubblica Domenicana, il Brasile, ecc.;

cibi e bevande inquinate e pochi controlli sulla qualità delle materie prime usate per l’alimentazione.

Un problema assai diffuso che gli espatriati non riescono a percepire ma è molto ‘rischioso’.

Pensate all’enorme uso di pesticidi nell’agricoltura dei paesi emergenti, alle poche regole che gestiscono la cura e la custodia dei cibi in vaste aree, ecc..

Provata a pensare di nutrirvi per anni ed anni con questi cibi!

costo della vita che in alcune aree metropolitane sta addirittura superando il livello di tante città italiane.

Questo, lo si è visto in Russia, Brasile, Cina, in molte città dell’India ed in quasi tutte le capitali straniere dei paesi in crescita economica.

Per il futuro, il trend potrebbe portare a costi talmente elevati da rendere per molti espatriati poco compatibile la vita in quei luoghi;

servizi sanitari spesso a livelli insufficienti (per non parlare delle coperture assicurative obbligatorie per chi intende disporre di un’assistenza sanitaria adeguata);

limiti alla possibilità di svolgere professioni, effettuare investimenti, nonché, livelli di corruzione e difficoltà burocratiche assai diffuse;

crescita garantita in questi paesi a buoni livelli per quanto ancora?

In concreto, il paese che avete selezionato come nuova meta, per quanto ancora crescerà a ritmi sostenuti(come è accaduto nei recenti anni)?

Il caso Brasile(per anni considerato l’Eldorado per tanti aspiranti fuggitivi), ora in difficoltà, ci dimostra che i tassi di crescita elevati prima o poi sono destinati ad arenarsi ed allora, cosa vi resta?

ecc..

Trasferirsi all’estero. Non è tutto oro quello che luccica.

Queste, sono solo alcune voci che abbiamo voluto evidenziare non per demotivare chi intende lasciare il Paese ma per mettere in evidenza che i pro ed i contro, ci sono in ogni cosa!

Buon lavoro.

Articoli correlati:

  • Aprire un negozio : gli errori piu’ comuni.Aprire un negozio : gli errori piu’ comuni. Buon lunedi' oggi torniamo a parlare dei comportamenti da tenere quando stiamo pensando di aprire un'attivita'. Aprire un negozio : gli errori piu' comuni. Quando stiamo valutando […]
  • Trasferirsi all’estero.Trasferirsi all’estero. Basta me ne vado. La scelta di mollare ed andare a vivere all'estero. Il sentimento di stanchezza e la voglia di mollare tutto per trasferirsi all'estero, coinvolge ormai un pubblico di […]
  • Me ne vado.Me ne vado. Mollare tutto e cambiare vita. Buon lunedì, quante persone(tra le più diverse), nel corso della loro vita hanno avuto la tentazione di mollare tutto e ricominciare da zero da un'altra […]
  • Ricominciare da capo.Ricominciare da capo. Buon lunedì, assistiamo da tempo ad un abbassamento dei redditi pro capite sia dei lavoratori che dei tanti professionisti ed imprenditori in Italia per una serie di ragioni : la crisi e […]
  • Vivere secondo i propri sogni.Vivere secondo i propri sogni. Buon lunedi', La primavera è arrivata e con essa, come ogni anno, la natura ci presenta il suo spettacolo che si rinnova sempre, con la sua esuberanza, il suo vigore e la sua forza […]
  • Scappare all’estero : aprire un’attività all’estero.Scappare all’estero : aprire un’attività all’estero.  Buon lunedì, in parecchi dei nostri post, abbiamo approfondito le tematiche relative all'apertura di un'attività all'estero (Ungheria, Repubblica Domenicana, Moldavia, Svizzera, Romania, […]

Altri articoli :