Più vecchi e più poveri.

dicembre 22, 2014 | Redazionale

Buon lunedì,

quando si parla di economia e di fare impresa, in questi tempi, risuonano sempre le parole : ‘crisi, ripresa, opportunità, stagnazione, rilancio dei consumi, ecc.’.

A volte, bisognerebbe anche dare un senso più compiuto e concreto a queste frasi/parole ed associarle al contesto specifico per evitare che rimanfano solo delle ‘parole vuote’.

Uno dei concetti che sempre evidenziamo su questo sito è che il mercato e le opportunità cambiano continuamente e se si vuol davvero sviluppare un business di successo, occorre seguire le dinamiche ed i mutamenti che sono in corso per ‘creare una formula’ di successo.

In questi anni, la crisi ha reso meno abbienti molti milioni di cittadini e contestualmente, è aumentata l’età media degli abitanti italiani.

Due fattori per nulla ‘marginali’ che hanno delle ripercussioni sulle scelte di acquisto dei consumatori e conseguentemente, sulla possibilità di intraprendere e portare avanti certe tipologie di imprese (e di business) piuttosto che altre.

index

Business che cambiano.

Quando sentiamo le lamentele di molti imprenditori operanti in vari campi (‘si vende sempre di meno, i clienti spendono meno soldi rispetto a prima, non ci sono più i clienti di una volta,.. ecc.’), talvolta, bisognerebbe associare queste considerazioni (nella stragrande maggioranza veritiere) anche al fatto che il mercato di 5, 10 o 30 anni fa non c’è più e pertanto, è naturale aspettarsi che molte imprese se non cambiano ‘formula’ (adattandosi al cambiamento) saranno per forza costrette a chiudere in futuro e forse anche a breve.

Ciò che sta ‘spiazzando’ (ed insabbiando) molti imprenditori e professionisti, è la velocità con cui questi cambiamenti stanno avvenendo.

Mai in passato i cambiamenti hanno avuto un impatto così ‘forte’, tenendo conto anche che ci troviamo contestualmente in una fase di crisi a livello generale.

I nuovi clienti.

Prima ancora di ragionare ‘su che cosa aprire'(come abitualmente fa la maggior parte delle persone che intende avviare un’attività), forse, è più importante concentrarsi ‘su che cosa la gente chiede’ e sui bisogni(spesso in toto o parzialmente insoddisfatti) presenti e futuri di una parte di popolazione che tende ad aumentare di numero.

Basta guardarsi in giro, anche senza attingere ai dati statistici e ci si accorge chiaramente che la fascia di popolazione che continua a crescere (a scapito dei più giovani) sono gli anziani.

Questi ultimi, rappresentano un segmento di popolazione che in taluni casi è assai benestante.

Un altro elemento di cambiamento rispetto al passato, è quello connesso (purtroppo) al calo dei redditi che coinvolge almeno il 90% della popolazione.

Si tratta di un fattore determinante nelle scelte di consumo e di investimento.

Non prendere considerazione questo trend quando si va ad analizzare un business (il suo avvio, la sua gestione, la possibilità di investirci, ecc.) è folle!

Le attività da aprire.

Ancor più che in passato, quando si parla di business(da avviare, da gestire, ecc.), diventa fondamentale osservare e concentrarsi su questi due segmenti (talvolta anche coincidenti) di popolazione e sulle loro esigenze.

A tal proposito, il numero di attività rivolte a queste fasce della popolazione e l’orientamento di alcuni business (anche attraverso alcune strategie mirate) per andare incontro alle necessità di queste decine di milioni di utenti, riceveranno un forte impulso negli anni prossimi.

Contemporaneamente, continuerà la chiusura ed il ridimensionamento delle attività che si rivolgono ad un’utenza numericamente sempre più ridotta e meno ‘capace’ di spendere come in passato.

Insomma, chi pensa di produrre e vendere come faceva 5, 10 o 30 anni fa, dovrà per forza cambiare strategia se non vuole essere marginalizzato!

Si tratta di un processo inevitabile che si compierà come una vera e propria selezione naturale.

Buon lavoro.

Articoli correlati:

  • Prendere decisioni.Prendere decisioni. Saper guardare le cose. Vince chi guarda le cose senza filtri e pregiudizi. La vittoria elettorale di Trump, ci regala l'ultima (o forse l'ennesima) lezione (di vita, di business, di […]
  • Che attività apro.Che attività apro. Buon lunedì, in Italia, similarmente a molti altri paesi europei di vecchia industrializzazione (Francia, Spagna, Grecia, Irlanda, Gran Bretagna, ecc.), sta accadendo una cosa […]
  • Le attività da aprire.Le attività da aprire. Le attività che avranno spazio in futuro e quelle che verranno marginalizzate. Buon lunedì, Che ci piaccia o no, il mercato, l'economia e le dinamiche che regolano ogni tipo di […]
  • Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi.Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi. Idee redditizie contro la crisi :aprire una agenzia di divorzi. Torniamo a parlare di quelle attività che vedono crescere il proprio business mese dopo mese in maniera esponenziale: […]
  • Non si torna indietro.Non si torna indietro. Buon lunedì, una delle maggiori debolezze dell'essere umano, è quella legata all'illusione di 'poter tornare indietro', di rifare le stesse cose del passato e per di più, nella solita […]
  • Innovare.Innovare. Nulla è per sempre. Tutto si evolve. Buon lunedì, parlare di innovazione, ormai è diventata una moda, una consuetudine che coinvolge ogni tipo di soggetto : dai cuochi della tv con i […]

Altri articoli :