Idee per fare impresa.

febbraio 17, 2015 | Mi metto in proprio

Per chi si fosse perso la puntata scorsa e la presentazione precedente, questa rubrica, offre spazio alle domande dei lettori che intendono avviare un’attività imprenditoriale.

Non si tratta di domande generiche (del tipo : ‘mi piacerebbe aprire quell’attività, oppure, cerco un business per guadagnarci’, cosa ne pensate se aprissi un…’), quanto piuttosto uno spazio dedicato a coloro che hanno in mente un progetto, un qualcosa di concreto da portare avanti ed hanno cominciato a raccogliere informazioni per sviluppare il proprio progetto.

Non siamo interessati a perdere tempo con sognatori inconcludenti!

Attendiamo persone con idee, progetti (seppure non completi), uomini e donne decisi a mettersi in discussione.

Affaripropri.com pubblica (nel rispetto della privacy e delle informazioni di valore che ci vengono inviate) l’idea ed il progetto e con l’aiuto di un gruppo di esperti in vari campi, offre supporto e consulenza al lettore.

index

Sviluppare un business di successo.

Nel corso della prima puntata, abbiamo pubblicato il testo di una email inviata da una nostra lettrice intenzionata a creare un business on line, in particolare, un portale per babysitter.

Vediamo ora di offrire una serie di risposte.

Come fare impresa. Aprire un portale di babysistter.

Ciao Sabrina, vediamo ora di darti qualche risposta alle tue domande, tenendo conto anche dei contenuti che ci hai allegato e che ovviamente non abbiamo pubblicato perché rientrano nella ricerca che tu hai effettuato in questo campo.

In grassetto metteremo le domande e poi, di seguito le nostre risposte.

Come partire?

Innanzi tutto, devi approfondire maggiormente i risultati delle ricerche che ci hai mandato.

Da una parte, hai inserito una lista di iniziative(imprese) già operanti che sono di fatto dei portali Web, dall’altra però, dovresti anche (nel limite del possibile) misurare la percentuale di ‘gradimento’ di questi servizi.

L’ideale sarebbe quella di intervistare uno o più clienti che hanno provato/comprato questi servizi : sia le stesse babysistter che le famiglie.

Partendo dai bisogni non soddisfatti e dagli errori, potresti impostare la tua offerta, il tuo modello di business.

Poi (potendo), sarebbe utile capire i ‘numeri’ della concorrenza :

visitatori, fatturato, ecc..

Riesco a gestire tutto on line?

Si!

Tutto si muove intorno ad una piattaforma Web che deve essere realizzata tenendo conto delle funzioni che deve svolgere, sia nei confronti del pubblico (i clienti ed i vari operatori) ma anche per le tue necessità di imprenditore (un’area riservata contenente le varie funzionalità).

Qual è il modello di business che dovrebbe uscire fuori e sopratutto, come riesco a monetizzare i miei servizi?

Il portale è una sorta di marketplace che permette l’incontro della domanda con l’offerta (famiglie da una parte e babysitter dall’altra).

Dai dati che ci hai trasmesso e da una ricerca ulteriore, abbiamo visto che i modelli principali di business sono quattro:

il sito guadagna facendo pagare i genitori e le famiglie;

i soggetti paganti sono le babysitter che ‘pagano’ per essere presenti sul sito;

si fanno pagare entrambi : genitori e babysitter (caso meno diffuso);

il modello free che in teoria non prevede soggetti paganti e che quindi dovrebbe sorreggersi mediante altre forme di entrata (da valutare con attenzione..).

Cosa ne pensate? C’è spazio per tirarci fuori un piccolo business?

Le potenzialità ci possono anche essere e devono tenere conto di alcuni aspetti (che possono essere criticità ed opportunità a seconda di come le si valuta):

bisogna ipotizzare un ‘teorico’ giro di affari che il tuo sito è in grado di raggiungere (diventa importante riuscire a capire i ‘numeri’ dei concorrenti).

Prova ad effettuare qualche test (per quanto possa offrire risposte veritiere) per capire se c’è spazio per la tua iniziativa;

cerca di definire i tempi per rendere il progetto operativo ed in condizione di produrre redditività;

dovresti calcolare anche il costo/l’investimento per avviare il tuo business (tieni conti di tutte le voci possibili);

ecc..

Attendiamo quindi tue nuove notizie per proseguire.

Si prosegue nella prossima parte con il resto dell’analisi.

Articoli correlati:

  • Idee di lavoro in proprio.Idee di lavoro in proprio. Come già anticipato nei giorni scorsi, affaripropri.com apre uno spazio(una nuova rubrica) in favore dei lettori che richiedono consigli, idee e supporto nello sviluppo del loro progetto […]
  • Idee lavoro autonomo.Idee lavoro autonomo. I servizi last minute. Offrire servizi alle persone su chiamata. In tema di opportunità di business e di micro imprese, esiste da tempo sul mercato una serie ampia e variegata di servizi […]
  • Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi.Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi. Idee redditizie contro la crisi :aprire una agenzia di divorzi. Torniamo a parlare di quelle attività che vedono crescere il proprio business mese dopo mese in maniera esponenziale: […]
  • Trovare stimoli.Trovare stimoli. Buon lunedì, milioni di persone trascorrono la propria vita o comunque buona parte di essa in un totale immobilismo, sballottati da una parte all'altra senza alcuno stimolo e reazione, […]
  • Non si torna indietro.Non si torna indietro. Buon lunedì, una delle maggiori debolezze dell'essere umano, è quella legata all'illusione di 'poter tornare indietro', di rifare le stesse cose del passato e per di più, nella solita […]
  • Quanto si guadagna con un’attività?Quanto si guadagna con un’attività? Avviare e gestire un'impresa, di qualsiasi tipo, significa prima di tutto creare uno strumento capace di generare dei redditi e degli utili nel corso del tempo. Tutto ciò, può anche […]

Altri articoli :