Recupero crediti.

giugno 2, 2015 | Fare impresa

Call center recupero crediti. Aprire un call center per solleciti.

Anno dopo anno, un dato che è andato aumentando, è proprio quello relativo ai solleciti di pagamento per utenze, rate di finanziamento, canoni di locazione, ecc. non pagati.

Un fenomeno che coinvolge ormai ogni ceto sociale e non solo coloro che sono considerati ‘poveri’ ma anche quella fascia sociale conosciuta un tempo come ‘media o piccola borghesia’, oltre naturalmente un numero enorme di imprese di ogni tipologia e professionisti.

Le grandi società creditrici ed anche le medie realtà, faticano oggi notevolmente a gestire ‘in casa’ queste esposizioni e così, i crediti esigibili o difficilmente recuperabili vengono direttamente passati ad imprese che si occupano di recupero credito.

Una somma quantitativa crescente che offre a queste imprese di gestione del credito ampi spazi di autonomia anche a causa della loro ‘importanza strategica’ che nel corso degli anni hanno assunto in questo contesto sociale ed economico.

images

Aprire un call center per recupero crediti.

Accade poi che una parte consistente di queste somme ‘gestite’ da imprese di recupero credito vengano affidati ad altre società subappaltanti che si occupano di solleciti telefonici.

I passaggi infatti nel corso degli anni possono essere diversi.

In questo caso, ci troviamo di fronte ad imprese di servizi che mediante un call center effettuano chiamate a persone/imprese con l’obiettivo di recuperare le somme dovute.

Un lavoro ‘duro’ che nel tempo è diventato sempre più difficile (sia per via della crisi che ha colpito sia le famiglie che le imprese) che anche per la tendenza (purtroppo diffusa) a ‘non pagare’ sapendo di farla franca (a causa dell’enorme massa di crediti presente) e delle normative abbastanza ‘flessibili’.

I call center che effettuano queste chiamate in Italia sono tenuti a rispettare una serie di normative, al fine di definire/riconoscere(a seguito di eventuali controlli) sempre coloro che effettuano le chiamate.

I crediti che vengono affidati ai call center, spesso, sono relativi a ‘vecchi insoluti’, immobilizzati da tempo e con percentuali di successo (nel recupero) basse o molto basse ed a volte, si affida la gestione alcall center anche come ‘ultima spiaggia’!

Recuperare i crediti al telefono. Un business in crescita.

Quindi, i crediti ‘lavorati’ da questi call center non sempre sono recenti, anzi, alcuni sono datati di parecchi anni e sono stati comprati ‘sul mercato’ da altre società di recupero credito.

Esiste infatti un mercato di questi insoluti che vengono ‘valutati’ da esperti del settore e comprati da altre imprese che provvedono a ‘rilavorali’.

Infatti, i costi di gestione di questi recuperi nel tempo sono aumentati poiché sono cresciute le difficoltà di ‘farsi pagare’.

Questo trend, ha spinto di conseguenza molte imprese ad avviare dei call center (od utilizzare delle strutture già presenti) in altri paesi, vedi ad esempio la Romania e l’Albania da cui ‘partono’ molte di queste chiamate.

Delocalizzare un call center. Chiamate dall’estero per recupero crediti.

Sono infatti sempre più numerose le chiamate che giungono dall’estero in tema di solleciti e riguardano i crediti vantati da imprese italiane molto famose, tra cui alcune multiutility, aziende finanziarie, ecc..

Le chiamate dall’estero, hanno lo scopo di ridurre i costi della gestione del servizio di sollecito in quanto molti call center sono dislocati in alcune città romene o albanesi dove il costo della manodopera è molto più basso rispetto all’Italia.

Molti call center che da tempo operano da queste nazioni, si sono ‘riconvertiti’ a questo servizio, abbandonando la vendita di prodotti e servizi non più remunerativi (o comunque molto meno rispetto al passato, come ad esempio le telecomunicazioni e la telefonia).

Avviare un call center all’estero. Conviene?

Parlando con alcuni imprenditori che operano dall’estero, si evince che per rimanere competitive, queste strutture (in genere medie o piccole), devono comprimere i loro costi fissi e tra l’altro, alcune strutture, sono state spostate in piccoli o medi centri rispetto alle grandi città.

Quindi, nonostante operino dall’estero, i call center devono sempre ricercare di abbattere i costi e migliorare le loro performance.

Maggiori difficoltà sono state riscontrate da alcune piccole strutture che non riescono ad ammortizzare adeguatamente i costi fissi ed ancor di più, a non poter ‘strappare’ delle condizioni ottimali nei contratti di affidamento del credito.

Articoli correlati:

  • Dove aprire un call center? Aprire un call center all’estero.Dove aprire un call center? Aprire un call center all’estero. Ritorniamo a parlare di call center e dell'apertura all'estero di una di queste strutture. Abbiamo già dedicato un redazionale a questo argomento. Il settore dei call center, rientra nel […]
  • Call center recupero credito.Call center recupero credito. La gestione del credito, sta diventando un problema per moltissime imprese (grandi, piccole e medie) ma nello stesso tempo, si sta trasformando in uno dei più grossi business presenti […]
  • Aprire un caseificio.Aprire un caseificio. Creare un caseificio costituisce talvolta l'evoluzione di tante produzioni zootecniche (anche di piccole e medie dimensioni) che nel corso degli anni hanno 'riposizionato' la loro […]
  • Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi.Divorziare all’estero : aprire un’agenzia di divorzi. Idee redditizie contro la crisi :aprire una agenzia di divorzi. Torniamo a parlare di quelle attività che vedono crescere il proprio business mese dopo mese in maniera esponenziale: […]
  • Aprire un discount.Aprire un discount. Fra le attività che in questo 25 anni hanno visto rafforzare la loro presenza, troviamo i discount. In Italia, ha prevalso la formula del cosiddetto 'soft discount' in cui all'interno […]
  • Dopo di noi.Dopo di noi. Il business dell'assistenza ai disabili che perderanno i genitori. Per coloro che ci conoscono da tempo, siamo un sito che si occupa di impresa e di attività connesse alle opportunità per […]

Altri articoli :