Acquistare un’azienda.

luglio 5, 2015 | Fare impresa

Investimenti commerciali. Seconda parte.

Ogni anno, decine e decine di migliaia di attività vengono poste in vendite alla ricerca di un acquirente disposto a continuare quel business.

I cedenti sono talvolta anziani professionisti od imprenditori che intendono ritirarsi oppure, persone che per motivi di salute devono farsi da parte ma in molti casi, ci troviamo di fronte ad attività in forte difficoltà, i cui proprietari cercano di disfarsene, anche appellandosi a giustificazioni diverse.

In mezzo a tanta offerta si incontrano certamente anche delle interessanti soluzioni ma anche tante imprese decotte o con un orizzonte limitato di vita di fronte a loro.

index

Rilevare un business. L’offerta.

Si tratta di imprese e studi professionali di ogni tipologia, dimensione, fatturato potenziale, localizzazione, settore di attività, ecc..

Come del resto abbiamo anche evidenziato nel corso della prima parte, una buon parte di queste imprese rilevate nel giro pochi anni tende a chiudere e/o a cercare nuovi ulteriori acquirenti, segno evidente che qualcosa non è andato per il verso giusto.

Nel corso del post scorso abbiamo iniziato a pubblicare i punti che vanno analizzati per evitare di prendere fregature e riuscire invece ad individuare una buona opportunità.

Continuiamo ora l’elenco di questi fattori da verificare prima dell’acquisto, ai quali nel corso delle prossime puntate collegheremo anche delle interviste con commercianti ed imprenditori per capire il peso ed il valore in abito concreto.

Il valore dei beni dell’azienda.

Questo, è il primo elemento che viene analizzato e prevede la verifica dei bene di proprietà dell’impresa o dello studio professionale che si intende acquisire.

Occorre però non limitarsi a tenere conto dell’ammortamento fiscale delle attrezzature od a considerazioni più formali che sostanziali.

Il valore reale di brevetti, software ed anche di determinate attrezzature, spesso, non coincide con quello inserito a bilancio.

Fra le risorse dell’azienda, ci sono certamente le cosiddette risorse umane che per alcune tipologie di attività costituiscono il vero valore del business in grado di fare la differenza.

Quindi, quando ci si trova di fronte a situazioni di questo tipo, occorre avere la certezza di poter disporre della ‘squadra’ precedente anche per il futuro.

In caso contrario, l’impresa sarebbe spogliata di una risorsa fondamentale ed il suo valore non sarebbe giustificato.

Provate ad esempio a pensare ad un’impresa commerciale privata dei suo migliori venditori oppure, un’azienda che richiede degli skill specifici per continuare la sua produzione e di punto in bianco si trovi a non disporre più di queste risorse.

Il mercato.

Rappresenta un fattore chiave che però tanti acquirenti tendono ancora a considerare (sbagliando) un elemento secondario.

In realtà, su questo fattore vanno ad infrangersi i progetti di tanti acquirenti che comprano attività senza davvero fare le opportune verifiche.

Comprendere la reale situazione di mercato in cui l’attività si trova ad operare (sia come mercato locale che comparto nel suo complesso).

Questo, serve a capire ed individuare le eventuali criticità intese a 360 gradi :

concorrenti presenti in quel momento, normative che potrebbero rendere piuù difficile la situazione di lavoro, potenziali competitor che potrebbero palesarsi in base ai cambiamenti in corso, ecc..

Nel post prossimo pubblicheremo una serie di esempi che renderanno più chiaro questo punto.

Giusto per rendere l’idea, provate solo ad ipotizzare l’acquisto di un supermercato (e quindi a valutare il valore di questa attività) senza andare a verificare i piani commerciali che potrebbero prevedere l’avvio nel giro dei prossimi 18 mesi nella stessa zona di nuove strutture commerciali con la conseguenza di trovarsi di fronte ad una nuova ed agguerrita concorrenza (e quindi ad una svalutazione notevole del business appena acquistato).

Si continua nella prossima parte in cui anche attraverso degli esempi proseguiremo con l’approfondimento di questo argomento.

Continua.

Articoli correlati:

  • Che attività aprire.Che attività aprire. Periodicamente, nascono delle attività (in genere commerciali) che 'esplodono' (nel senso del numero massiccio di aperture in pochissimo tempo) portando all'avvio di migliaia di punti […]
  • Cessione aziendeCessione aziende Quanto vale un'attività oggi? Seconda parte. Investire e/o comprare delle attività imprenditoriali, licenze commerciali, studi professionali, ecc., richiede una buona competenza nel […]
  • Vendere al telefono.Vendere al telefono. Il telefono negli ultimi 30 anni, si è trasformato nel giro di poco tempo in una delle più potenti forme di vendita diretta e/o come strumento di supporto alla vendita in moltissimi […]
  • Quale attività aprire.Quale attività aprire. Le attività che fanno guadagnare. Periodicamente, vediamo uscire sui giornali (specie su quelli on line) una serie di elenchi di attività e professioni destinate a sparire o comunque a […]
  • Ricominciare a 40 anni.Ricominciare a 40 anni. Ricominciare da zero a 40 anni. Buon lunedì, abbiamo ricevuto nel corso di questi anni molte email di persone intorno ai quarantanni che hanno dovuto (o deciso) di ricominciare la loro […]
  • Come aprire un outlet.Come aprire un outlet. Una tipologia di impresa commerciale che ha ottenuto ampi consensi, sia in termini giro di affari che per il numero dei punti vendita aperti, è quella degli outlet. Nel corso della […]

Altri articoli :