Business sostenibile.

novembre 1, 2016 | Fare impresa

La sostenibilità di un business. Quando la corsa al ribasso dei prezzi del settore rende più conveniente gettare la spugna che continuare ad andare avanti.

Una cosa ben evidente a tutti in questi recenti anni, è stato quello del crollo generalizzato dei prezzi di moltissimi beni e servizi al pubblico.

In questo grande paniere di prodotti e servizi che sono diminuiti a livello di prezzo, citiamo (giusto per fare qualche esempio) :

le spese dentali e mediche, i prezzi di prodotti tecnologici, le tariffe telefoniche e di connessione al Web, i listini di abbigliamento e scarpe, i costi di molti alberghi e relativi alla ricettività, i voli aerei, i libri, i prezzi di entrata in discoteca, una serie di accessori svariati di bassa e media qualità (prodotti quasi tutti in Estremo Oriente), i pranzi di lavoro, ecc..

Non parliamo poi di quell’insieme di servizi che ormai si trovano (pur non sempre in maniera regolare) disponibili e liberi : musica, informazione, formazione, ecc..

Sostenibilità economica. Quando un business non riesce più a trovarla.

Provate ad immaginare ad esempio a chi vendeva : musica, enciclopedie, corsi di formazione, ecc. che oggi si trovano tutti o quasi gratis grazie sopratutto al web!

Oppure, provate a pensare ai margini ridottissimi( o comunque molto meno che in passato) con cui si trovano ad operare quei soggetti che vendono connettività Web, telefonia fissa, fumo elettronico, scarpe, abbigliamento low cost, fast food e trattorie a basso costo, ecc..

In questo grandissimo contenitore, inseriamo anche i servizi di medio e basso livello qualitativo offerti da : geometri, architetti, commercialisti, avvocati, ecc..

Parliamo quindi di un elenco lunghissimo di soggetti economici che si trovano incastrati in questa situazione e che coinvolge di fatto centinaia di migliaia di operatori appartenenti a differenti comparti e segmenti.

Fra le primarie cause di questo problema, troviamo appunto la concorrenza che è cresciuta in maniera esponenziale, con l’aumento degli operatori e la diminuzione dei richiedenti (i potenziali clienti) e sopratutto, la minor capacità di spesa da parte di questi ultimi.

Rimanere in piedi. La necessità di far quadrare i conti e riuscire a tenere aperta la baracca.

Quando parliamo di imprese e professionisti in difficoltà, siamo di fronte a situazioni assai diverse, spesso assai distanti fra di loro ma che hanno in comune la necessità di riuscire a riposizionarsi in un mercato che a seguito di una serie di rapidi cambiamenti : tecnologici, sociali, economici, ecc., non è più quello di prima e questo, viene recepito con paura, smarrimento ed incapacità di reagire adeguatamente da parte di questo operatori.

I mercati si sono ristretti e per riuscire a vendere, i prezzi in molti casi sono andati in discesa, tagliando i margini di guadagno in maniera crescente, con la conseguenza di andare a colpire in misura maggiore gli operatori che sono più gracili, quelli più piccoli, coloro che hanno meno risorse e capacità di stare sul mercato.

Business sostenibile. La rincorsa al prezzo più basso non è sufficiente.

Una selezione naturale che sta facendo una strage di : commercianti, professionisti, imprenditori, ecc..

In molti, si sono adattati abbassando i prezzi e riducendo i costi di gestione ma questo, non è sempre sufficiente!

Molte di queste attività galleggiano e tirano a campare (come si suol dire).

Abbassare i prezzi non sempre è possibile (o fattibile) perché i costi fissi non sempre sono comprimibili all’infinito ed anche con l’abbattimento dei prezzi, non si ha per nulla la garanzia di veder riprendere il giro di affari.

Anzi, in molti casi, continua ancora a scendere!

Quindi, non basta abbassare i prezzi e rincorrere certa concorrenza low cost, anzi, talvolta, questa è strada per chiudere prima!

Articoli correlati:

  • Comprare in edicola. Il futuro delle edicole.Comprare in edicola. Il futuro delle edicole. Oggi parliamo di un'attività commerciale fra le più popolari e diffuse sino a pochi anni fa. Il giornalaio è stato il punto di riferimento per bambini (l'acquisto di figurine, dei […]
  • Resistere alla crisi. Imprenditori che resistono.Resistere alla crisi. Imprenditori che resistono. Le imprese che 'resistono' sono veramente tante ogni giorno e questo aspetto, è diventato anche il nome di un'associazione di imprenditori ma nella realtà di tutti i giorni, la […]
  •  Aprire un’agenzia di poste private. Terza parte. Aprire un’agenzia di poste private. Terza parte. Prosegue l’intervista con Franco Gaspari, responsabile sviluppo franchising di Mail Express Poste private. Per conoscere ancora meglio e con maggiori dettagli, le caratteristiche di […]
  • Le attività redditizie.Le attività redditizie. Come abbiamo già ricordato nel redazionale scorso, sono decine di migliaia le attività che chiudono il proprio ufficio per risparmiare sui costi fissi e si trasferiscono come sede presso […]
  • Avviare un business center ; 3° puntata.Avviare un business center ; 3° puntata. (continua dalla 2° puntata) http://affaripropri.com/2009/06/avviare-un-business-center-2%c2%b0-puntata/ Avere a disposizione un ufficio elegante, ben arredato e dotato di […]
  • Terza età.Terza età. Il business dei trattamenti di bellezza della terza età. Viviamo attualmente in una società che dal punto di vista della sua composizione, è sempre più rappresentata da persone 'meno […]

Altri articoli :