Dove andare a vivere all’estero.

marzo 18, 2018 | Redazionale

Trasferirsi a vivere all’estero. Vivere all’estero quanto mi costa.

Salve a tutti,

in questi recenti anni dominati da crisi ed incertezza generale, centinaia di migliaia di italiani hanno abbandonato il ‘Belpaese’ per trasferirsi a vivere in altre nazioni, sia europee che non, per cercare un presente ed un futuro più appagante di quello che apparentemente li attendeva a ‘casa’.

Una massa ampia di persone di ogni età con obiettivi prioritari spesso non omogenei ed anche con una formazione professionale e culturale assai diversificata fra loro, ha effettuato delle scelte talvolta anche parecchio diverse per approdare in nazioni (ed all’interno di loro in regioni e città) a volte completamente differenti fra loro.

Fra le mete più gettonate troviamo : le Canarie, Londra, Berlino, Parigi, Usa ma anche il Portogallo ed l’Australia, per non parlare dell’Albania (…chi lo avrebbe pensato sino a qualche anno fa!), Thailandia, Usa, Brasile, Malta, Olanda, ecc..

In molti dei nostri post pubblicati negli anni scorsi, abbiamo ospitato numerose interviste ed effettuato approfondimenti grazie sopratutto alla testimonianza di molti espatriati e persone che da anni erano residenti in svariate località.

Occorre anche dire che nel ‘frattempo’, qualcosa o meglio ancora, molto è cambiato nonostante siano trascorsi solo pochissimi anni!

Va sottolineato che i costi della vita in molte località che sino a 10 anni fa erano considerate dei veri e propri paradisi in cui trasferirsi o comunque, venivano considerate delle località adatte per ricominciare da capo, anche effettuando un investimento limitato, sono fortemente cresciuti ed anche le opportunità concrete e gli spazi di manovra offerti si sono di molto ridotti, in particolare, per quel target numeroso di expat caratterizzati da una bassa specializzazione ed un reddito disponibile limitato.

Le testimonianze che ci sono giunte in questi anni da parte di tanti italiani (e non solo) confermano questa premessa ed è bene saperlo sin da subito.

Vediamo ora di capirne qualcosa di più.

Mollare tutto. Trasferisi per una qualità migliore della vita.

Trattandosi di un argomento molto ampio(per evitare di disperderci ed alla fine poi non riuscire a centrare il punto), in questo post ci focalizzeremo su quell’ampio segmento rappresentato da coloro che si trasferiscono all’estero per avere una qualità della vita migliore, spesso, caratterizzati da un livello di età superiore ai 40 anni e con un’esperienza di vita professionale (e non solo…)alle spalle naufragata o comunque, non più appagante.

Si tratta di un segmento molto ampio in senso numerico che include sia coloro che sono nel pieno della vita attiva che anche il segmento over 58 rappresentato dai pensionati (o di coloro che stanno per diventarlo a breve).

Trasferirsi all’estero. Cosa cercano queste persone nella maggior parte delle volte?

Sicuramente, una qualità della vita migliore!

Per i più giovani, anche la possibilità di inserirsi come piccoli imprenditori o professionisti/dipendenti in qualche attività e ritagliarsi uno spazio di vita interessante.

Per gli altri, l’obiettivo è riuscire a vivere più che decorosamente di rendita (con il reddito da pensione e/o integrato da rendite che giungono dal proprio paese come affitti, ecc.), disponendo di una buona capacità di acquisto, accedendo a prodotti e servizi senza sforzi e sacrifici, insomma, garantendosi un ‘buon ritiro’ a tutti gli effetti.

Dove trasferirsi. Budget limitato : è ancora possibile?

Il problema lamentato da moltissimi (la maggior parte degli expat e/o di coloro che vorrebbero andarsene ma hanno percepito la criticità), è sopratutto quello connesso al crescente costo della vita che riguarda ormai quasi tutte le località che in passato venivano prese in considerazione come meta di arrivo.

Dal Brasile (uno dei casi più segnalati per il costo della vita che è aumentato notevolmente in pochissimi anni) alle Filippine, dal Panama alla Romania, dalle Canarie alla Thailandia, ecc., per non parlare poi delle aree metropolitane di Berlino, Londra, Mosca, Miami, ecc. dove il costo della vita non è mai stato basso, si registra un differenziale crescente fra il reddito potenziale degli espatriati ed il costo delle vita delle varie mete.

A ciò, dobbiamo poi aggiungere che per alcuni paesi le condizioni qualitative di vita sono anche parecchio peggiorate : inquinamento urbano in crescita, specie nelle aree cittadine e minor sicurezza della persona in primis.

Lasciare l’Italia e le sue certezze, per approdare in molte altre aree non sempre conviene!

Senza una polizza salute ed un reddito adeguato, non conviene proprio andarsene.

Andare a fare gli indigenti all’estero, non è proprio la soluzione migliore!

Del resto, con 2500-3000 dollari al mese, si può vivere bene anche in Italia, senza trasfersi all’estero! Questa è la somma, più o meno necessaria per garantirsi una vita dignitosa in una località al caldo.

Anche per avviare un’attività in proprio nei paesi di cui parliamo, servono capitali più consistenti rispetto a 10 o solo  5 anni fa.

Con 30-60.000 euro oggi, non si può fare un granché ormai.

Dove andare a vivere all’estero. Il tempo passa e le cose cambiano velocemente.

Ebbene si!

I tempi in cui i pensionati da 1200 euro al mese potevano trasferirsi al caldo in maniera definitiva sono di fatto terminati!

Il target necessario per fare il ‘grande salto’ è molto più alto ed allora, il segmento di expat che può accedere al ‘cambiamento’ si riduce sensibilmente.

Ancora a qualcuno piace sognare e vivere di ricordi del passato ma poi….. basta fare ‘un salto’ in quelle località ed ecco che la realtà si presenta in tutta la sua pienezza.

Articoli correlati:

  • Vivere all’estero.Vivere all’estero. Buon lunedì, per la prima volta, dopo decenni, stiamo assistendo ad una vera e proprio fuga dal Belpaese. Centinaia di migliaia di italiani hanno lasciato la Nazione negli ultimi 4 […]
  • Abrir una tienda: los errores más frecuentesAbrir una tienda: los errores más frecuentes Hoy volvemos a hablar de cómo actuar cuando estámos pensando de abrir una empresa. Abrir una tienda : los errores mas comun. Cuando estamos evaluando qué tipo de actividad para […]
  • Trasferirsi all’estero.Trasferirsi all’estero. Basta me ne vado. La scelta di mollare ed andare a vivere all'estero. Il sentimento di stanchezza e la voglia di mollare tutto per trasferirsi all'estero, coinvolge ormai un pubblico di […]
  • (Italiano) Ricominciare da capo.(Italiano) Ricominciare da capo. Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Italiano.
  • Me ne vado.Me ne vado. Mollare tutto e cambiare vita. Buon lunedì, quante persone(tra le più diverse), nel corso della loro vita hanno avuto la tentazione di mollare tutto e ricominciare da zero da un'altra […]
  • (Italiano) Scappare all’estero : aprire un’attività all’estero.(Italiano) Scappare all’estero : aprire un’attività all’estero. Disculpa, pero esta entrada está disponible sólo en Italiano.

Other posts :